72° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE D’ITALIA  Brindisi, martedì 25 aprile 2017


Martedì 25 aprile p.v. alle ore 10.30 avrà luogo, presso il Monumento ai Caduti, in Piazza Santa Teresa, la Solenne Celebrazione del 72° Anniversario della Liberazione. Alla Cerimonia, presieduta da S.E. il Prefetto di Brindisi Dott. Annunziato VARDE’, unitamente alle Autorità Civili e Militari della Città e della Provincia di Brindisi. A seguire, in occasione di detta ricorrenza, è intendimento di S.E. il Prefetto, rendere onore ai partigiani brindisini. L’evento avrà luogo in Piazzetta Sottile – De Falco (di fronte Palazzo Nervegna) alla presenza delle massime Autorità Civili e Militari della città.

VERSO IL 25 APRILE ANCHE A BRINDISI E DINTORNI. BUONA LIBERAZIONE A TUTTI.

“Al ricordo di uno splendido passato (la Resistenza), alla fiducia in un magnifico documento (la Costituzione), affidiamo la speranza e la volontà di un futuro migliore, che si potrà realizzare solo se collaboreremo e parteciperemo tutti, ognuno per la propria parte e ognuno con le proprie capacità e i propri mezzi, per raggiungere l’obiettivo della pace, della serenità, della giustizia sociale e dell’eguaglianza”, ha detto il presidente nazionale dell’Anpi, Carlo Smuraglia. E contro ogni guerra, per la giustizia sociale, per il lavoro, per l’accoglienza di chi fugge da violenza, conflitti e fame, anche a Brindisi il  25 aprile, l’Anpi sarà nelle piazze assieme alle altre associazioni e ai sindacati.

Il comitato provinciale ANPI Brindisi



APPELLO DELL’ANPI PER IL 25 APRILE

Il 25 aprile è la festa di tutte le italiane e gli italiani. Delle loro radici e del loro futuro. Ricordiamo i combattenti per la libertà, i loro sogni di democrazia, uguaglianza e felicità, il portare avanti con coraggio e tenacia la loro speranza di un Paese civile, giusto, solidale. Festeggiamo la Costituzione nel 70° anniversario della sua approvazione. Quello straordinario lavoro di concordia e responsabilità che condusse alla scrittura delle regole e della sostanza democratica della vita collettiva. Principi e valori realizzati solo in parte se guardiamo alla situazione complessiva dell’Italia dove un diritto elementare, come quello al lavoro, in particolare per i giovani, è disatteso, dove l’attuale modo di far politica per lo più allontana, invece di stimolare e promuovere la partecipazione popolare, dove l’orizzonte antifascista non è ancora pienamente patrimonio dello Stato in ogni sua espressione. Dobbiamo essere uniti e tanti. A trasmetterci la voglia di essere parte attiva dell’irrimandabile processo di attuazione integrale della Costituzione, di contrasto ai troppi neofascismi che impazzano nelle strade e per il web illudendo una parte delle giovani generazioni, di costruzione di una diffusa e forte cultura del dialogo, della solidarietà, della pace. Dobbiamo darci appuntamento per tutti i giorni a venire. Il 25 aprile rappresenti un impegno quotidiano a sentirci una comunità in marcia verso una democrazia realizzata fino in fondo. Con l’entusiasmo e le capacità di ognuno. Buona Liberazione.
19 aprile 2017


Il 25 aprile è la festa di tutte le italiane e gli italiani. Delle loro radici e del loro futuro. Ricordiamo i combattenti per la libertà, i loro sogni di democrazia, uguaglianza e felicità, il portare avanti con coraggio e tenacia la loro speranza di un Paese civile, giusto, solidale. Festeggiamo la Costituzione nel 70° anniversario della sua approvazione. Quello straordinario lavoro di concordia e responsabilità che condusse alla scrittura delle regole e della sostanza democratica della vita collettiva. Principi e valori realizzati solo in parte se guardiamo alla situazione complessiva dell’Italia dove un diritto elementare, come quello al lavoro, in particolare per i giovani, è disatteso, dove l’attuale modo di far politica per lo più allontana, invece di stimolare e promuovere la partecipazione popolare, dove l’orizzonte antifascista non è ancora pienamente patrimonio dello Stato in ogni sua espressione. Dobbiamo essere uniti e tanti. A trasmetterci la voglia di essere parte attiva dell’irrimandabile processo di attuazione integrale della Costituzione, di contrasto ai troppi neofascismi che impazzano nelle strade e per il web illudendo una parte delle giovani generazioni, di costruzione di una diffusa e forte cultura del dialogo, della solidarietà, della pace. Dobbiamo darci appuntamento per tutti i giorni a venire. Il 25 aprile rappresenti un impegno quotidiano a sentirci una comunità in marcia verso una democrazia realizzata fino in fondo. Con l’entusiasmo e le capacità di ognuno. Buona Liberazione.

19 aprile 2017



APPELLO PER LA PACE.

Mesagne-Pace.jpg">

Un appello alla civiltà suprema del dialogo, della sua umanità, della sua intelligenza. Leggiamo e apprendiamo di bombe, di grandi eventi nucleari, di raid preventivi. Un irresponsabile e impressionante gioco alla guerra che deve essere subito fermato. Chiediamo con forza alle Istituzioni internazionali, ai Governi del mondo che si metta a tacere l’assurdo di queste intenzioni che porterebbero a effetti disastrosi e di morte già tragicamente vissuti. Facciamo appello alle cittadine e ai cittadini affinché si mobilitino  per diffondere il piu’ possibile voci e iniziative di pace, anche in nome della nostra Costituzione che sempre ci ricorda che “l’Italia ripudia la guerra”.

Carlo Smuraglia – Presidente Nazionale ANPI

Francesca Chiavacci – Presidente Nazionale ARCI

Susanna Camusso – Segretario generale CGIL

Annamaria Furlan – Segretario generale CISL

Carmelo Barbagallo – Segretario generale UIL

Roberto Rossini – Presidente Nazionale ACLI

 

Roma, 15 aprile 2017


 

 

 

Sulla questione dell’EUROPA pubblichiamo la lettera dell’Anpi nazionale al Movimento Federalista Europeo

di seguito un articolo di Paolo Rumiz sempre sull’Europa.

 

L’ANPI nazionale aderisce all’iniziativa dell’Unione dei Federalisti Europei. Ma specifica limiti e carenze del documento preparatorio. Il testo della lettera della Segreteria nazionale

In risposta a una richiesta di Paolo Vacca, Segretario Generale dell’Unione dei Federalisti Europei, l’ANPI nazionale ha aderito alla Marcia per l’Europa, promossa in occasione dell’anniversario della firma dei trattati di Roma. Nella lettera della Segreteria nazionale si precisa la posizione dell’ANPI in merito al documento preparatorio della Marcia, che viene giudicato carente su quattro aspetti cardine del futuro (e del presente) dell’UE: la linea di politica economica e sociale, il risorgere di forze neofasciste e neonaziste, la questione delle migrazioni, in tema della pace e della guerra. Ecco il testo integrale della lettera della Segreteria nazionale dell’ANPI.

 

«Gentile Segretario Generale, accogliendo il Suo cortese invito, l’ANPI nazionale aderisce alla “Marcia per l’Europa”, in occasione del 60° anniversario della firma dei Trattati di Roma. Per la circostanza, abbiamo letto con attenzione il documento che illustra le ragioni della marcia. Ci pare di conseguenza doveroso esprimerci in merito.

Condividiamo le linee generali del documento. Ci sembra però necessario specificare, dato che sul documento il tema non sembra affrontato, l’urgenza di una svolta nella politica economica e sociale dell’Unione Europea che non ha sufficientemente rilanciato l’economia del continente, determinando sacche pesantissime di impoverimento per decine di milioni di persone e colpendo gran delle conquiste sociali che erano alla base del welfare; anche per queste ragioni l’Europa subisce oggi l’assalto di nazionalismi e populismi.

Non va inoltre taciuta, in questo scenario, la rinascita in forme dirette o indirette, di neofascismi e neonazismi: ne è sintomo e simbolo il recente episodio avvenuto durante la plenaria del Parlamento Europeo, quando l’eurodeputato polacco Janusz Korwin-Mikke ha fatto il saluto nazista.

Ci sembra poi opportuno sottolineare, nelle finalità generali della marcia, la necessità di una politica comune nei confronti del fenomeno palesemente irreversibile dell’ondata migratoria e nei confronti della conseguente politica di accoglienza; l’assenza di tale politica è infatti una delle ragioni delle tensioni a cui i Paesi che aderiscono all’UE sono stati sottoposti negli ultimi anni.

Ci sembra infine importante sottolineare il rigore con cui occorre che l’UE affronti il tema della pace nel mondo. La premessa non può che essere la ricerca in ogni modo di soluzioni negoziate davanti alle situazioni di conflitto. Purtroppo l’esperienza degli ultimi vent’anni ci dimostra che spesso molti Paesi europei hanno partecipato anche sotto l’ombrello della NATO a conflitti di varia natura e genere. Per di più, sono noti i dati sull’industria delle armi in Europa: emerge, in palese contrasto con i trend industriali prevalenti, un export florido e crescente, e quasi sempre nei confronti di Paesi impegnati in vicende belliche.

C’è bisogno, in sostanza, di un ritorno reale allo spirito del manifesto di Ventotene, perché un’Europa forte, unita e democratica può avvenire solo a condizione che sia l’Europa della libertà, dell’uguaglianza, della solidarietà e della pace».  PUBBLICATO MARTEDÌ 21 MARZO 2017

 

Nonno, parlami di una terra di pace

di Paolo Rumiz

Nonno, raccontami l’Europa.
Niente di più facile, bimbo mio. L’Europa è la terra dove tramonta il sole. È un grande, frastagliato, affascinante promontorio dove l’Asia finisce. Una terra fertile, ricca di popoli, fiumi, città, montagne e pianure, che si protende con faraglioni di tuono verso l’Oceano e il Mare di Mezzo. Ma come: nessuno te l’ha mai raccontata?

Nessuno. Fallo tu, ti prego.
Per cominciare tiriamo fuori dalla tasca queste monetine. Guarda bene. Portano tutte il nome dell’Europa, ma sono stampate in paesi diversi. Grecia, Germania, Francia, Italia, Austria, Spagna… paesi che fino a ieri si sparavano cannonate fra loro. Non è un miracolo? Oggi sono tutti uniti, hanno tolto i confini.

Mi racconti i tuoi viaggi?
Ho camminato sugli altopiani di Spagna sotto il volo degli avvoltoi. In Russia ho dormito in lunghi treni color verde scuro in corsa tra laghi ghiacciati. In Grecia ho navigato a vela nel mare blu scuro di Ulisse. Sulle coste rocciose del Mar d’Irlanda ho nuotato, pensa, con le foche!

Che bello, nonno. Dimmi perché tanti parlano male dell’Europa?
Ascolta, piccolino, non dimenticarlo mai. L’Europa è la madre che ti nutre. La tua patria. E se senti qualcuno che le urla contro, qualcuno che dice che fa schifo, che è diventata una matrigna, arrabbiati. Non restare mai in silenzio quando senti bestemmie del genere.

Cosa devo dire, nonno?
Rispondi loro che se l’Europa gli pesa, vadano pure altrove. Troveranno solo aride steppe battute dai venti, guerre, sfruttamento.

Dicono che siamo invasi dai profughi, che ci rubano tutto.
Allora rispondi così: oltre che ciechi siete vigliacchi. Accusate i poveracci perché non avete fegato di prendervela coi ladri veri, che stanno a casa nostra. Quelli che rubano, inquinano, e obbligano i nostri figli laureati a fare i lavapiatti all’estero. E poi dì loro che anche il nonno di tuo nonno era profugo, e ha dovuto abbandonare l’Europa, quando in Europa c’era la fame. E già che ci sei, spiegagli che si può diventare profughi in un attimo. Basta una guerra.

Spiegami come succede.
Succede che tu vivi tranquillo, hai il tuo lavoro, la tua casa, il tuo orto con patate e cipolle, i tuoi figli, i tuoi amici, pensi che nulla possa cambiare, e invece… improvvisamente il cielo diventa nero come la pece e arrivano uomini armati che ti portano via tutto. E allora devi scappare, sempre se non ti ammazzano prima.

La guerra può venire anche qui?
Vedi, l’Europa è una terra meravigliosa, ma è stata anche la grande madre di tante guerre. E quelle guerre hanno ucciso milioni di uomini e generato milioni di profughi. Ora siamo in pace, ma bisogna tenere gli occhi aperti. Dobbiamo impedire a quel demonio di tornare fra noi.

Come ci si difende?
Bisogna tenere sveglia la memoria. Ricordare quante volte gli europei si sono ammazzati fra loro. Riflettere che siamo in pace da settant’anni, l’età di tuo nonno. Un tempo lunghissimo. Un miracolo. Ma ci sono degli idioti che se ne sono dimenticati, e dicono che bisogna costruire muri, armare di nuovo gli eserciti.

Mi ci porti, un giorno, in viaggio con te?
Ti ci porto subito. Se chiudi gli occhi, provo a farti viaggiare nei luoghi più misteriosi, verso Est. E siccome ti piace la neve, ti faccio partire d’inverno. Da Berlino, città che fu distrutta e poi ricostruita e poi ancora divisa da un muro terribile.

I muri esistevano una volta?
Quando gli uomini hanno paura di altri uomini, tirano su muri. Ma quei muri non servono a niente. Il più grande di tutti è la Muraglia Cinese. Settemila chilometri. L’hanno costruita tanti secoli fa per difendere la Cina dai barbari. Ma quei barbari sono passati lo stesso e sono diventati imperatori della Cina.

Come viaggeremo?
Non in aereo. L’aereo non avvicina niente e non fa conoscere niente. Il nonno ti fa viaggiare in treno. Un bel treno tedesco, pulito e puntuale, che parte da una stazione col tetto di ferro.

Come ami la tua Europa, nonno.
Sai, sono così stanco delle urla di quelli che le sparano contro. È gente che parla con la pancia… che semina odio additando nemici. Sai, è facilissimo ottenere applausi urlando contro qualcuno! Ma non si può nemmeno tacere come i vigliacchi. Oggi tacciono in troppi, e il loro silenzio mi offende più delle urla.

E allora, come combattere?
Rispondendo col cuore, col fuoco della passione. Trovare le parole giuste per cantare la magia segreta dell’Europa. Guarda, guarda fuori dal finestrino. Siamo in Moravia. Li vedi i campanili a forma di cipolla?

Nonno, non ci perderemo?
Non ti preoccupare piccino. Il nonno conosce le frontiere. Ora scende la notte, il treno fa “tu-tun tu-tun” in un turbinio bianco. Il centro d’Europa forse è qui, a due passi da un posto tremendo di nome Auschwitz. Anche lì arrivavano treni, una volta, ma erano pieni di condannati a morte. I treni hanno fatto l’Europa, ma l’hanno anche distrutta. Hanno portato a morire milioni di soldati e civili. Anche bambini. Anche questo, giurami che non lo dimenticherai mai.

Te lo giuro, nonno.
Dai, continuiamo il viaggio. È notte. Siamo nel Sud della Polonia, in una stazione c’è un tabellone luminoso che già indica il Mar Baltico, a mille chilometri di distanza.

E poi?
La sera entriamo nella pianura ungherese, stanno uscendo le stelle, fuori c’è un’orchestrina di zingari. È notte fonda: e quando se non di notte si entra in Transilvania, la terra dei vampiri? Poi inizia una nuova, immensa pianura che ci porta verso il più grande fiume d’Europa. Il Danubio.

Siamo arrivati nonno?
Non ancora. C’è la Bulgaria con le ultime montagne. Il treno fatica tra muraglie di neve, boschi da lupi e stazioni sperdute.
Poi il treno perde quota verso la Turchia, trema, si avvita su se stesso in piccole valli chiuse. E si arriva al confine turco, e la polizia turca – impara cucciolo mio – non sorride mai. Specialmente ora. C’è un brutto muro anche lì, costruito per fermare quelli senza documenti.

Cosa sono i documenti, nonno?
Pezzi di carta che dicono chi sei. Senza quei pezzi di carta non puoi viaggiare. E la polizia ti può mettere in prigione.

Io ce li ho i documenti?
Sì, sei un bambino fortunato. Ma tanti bambini non lo sono. Bambini profughi, che hanno perso tutto. Ma è ormai mezzogiorno. Il treno sferraglia nella neve sotto le moschee di Istanbul.

Siamo arrivati, nonno?
Sì, tesoro. Ora tramonta e ha smesso di nevicare. L’aria è purissima e l’Asia luccica dall’altra parte. Siamo alla fine dell’Europa. Guarda bene, c’è un piccolo faro, laggiù, che lancia segnali intermittenti. Da mille anni è lì, a sorvegliare una processione incessante di navi, gabbiani, uomini e delfini. Oltre, comincia un altro mondo.

Da “La Repubblica” del 25 marzo 2017 pp. 6-7



L’ANPI di Brindisi aderisce a Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie

Hyso, i caporali e le vittime della mafia

Hyso Telharaj. Chi era costui? Uno straniero, non c’è dubbio. Che cosa mai può importarci della sua vita e della sua morte violenta? Del resto se ne è andato diciotto anni fa. I suoi assassini non sono mai stati processati e condannati. Che importanza può avere per noi un vecchio delitto che riguarda un immigrato. Un “cold case” che non ci interessa.

Ma, a futura memoria, è meglio raccontarla la storia di questo ragazzo, venuto da non molto lontano, e di un vino rosso, fatto con l’uva coltivata sulle terre confiscate alla Scu di Mesagne e lavorate in una cantina di Torchiarolo confiscata a un ex boss della Sacra Corona, un vino che riporta sull’etichetta il suo nome. Hyso era un ragazzo albanese che viveva in un paese lontano da Tirana, Durazzo, Valona. Il padre era malato, lavoro non ce n’era e lui, giovanissimo e responsabile, venne in Italia, in Puglia.

La stessa rotta dei barconi pieni di gente che sfuggiva alla guerra civile. Il tam tam dei suoi connazionali, che erano già emigrati, lo portò in Capitanata. “Qui c’è da lavorare”. Gli dissero. “È dura, ma qualcosa si guadagna”. Hyso sapeva bene che qui non avrebbe trovato il paradiso, cercava solo un po’ di giustizia sociale e qualcosa da guadagnare con un lavoro onesto. Diventò bracciante e ogni settimana mandava i soldi a casa, per la sua famiglia. La giustizia sociale non c’era. Ancora oggi, con i braccianti albanesi sostituiti da braccianti africani, non c’è.

Hyso in Capitanata trovò sfruttamento e morte. I caporali gli chiedevano tangenti per ogni giornata di lavoro. Ma lui aveva un grande senso della giustizia e aveva bisogno di soldi da mandare al padre malato. Si ribellò. L’8 settembre del 1999 fu trovato morto, gli spararono nei pressi di Cerignola. Aveva 22 anni. Non aveva ceduto al ricatto dei caporali, non aveva piegato la testa e si era opposto a quella logica spietata. Questa storia ci riguarda, perché gli dobbiamo molto. Accese i riflettori su condizioni di vita inumane che ancora oggi vivono donne, che qui sono nate, e migranti, tutti lavoratori dei campi.

Ogni 21 marzo, primo giorno di primavera, da quando fu ucciso, anche il nome di Hyso viene letto ad alta voce in tutte le città d’Italia in occasione della commemorazione delle vittime di mafia. Questa giornata diventerà istituzionale, come il 25 aprile e il primo maggio. “Dobbiamo chiedere scusa a Hyso e alla sua famiglia, perché non abbiamo fatto abbastanza per salvarlo dalla mafia del caporalato” disse don Luigi Ciotti. Ma, sino allo scorso anno, la sua famiglia non sapeva nulla di tutto questo. Fu una ragazza albanese, che studia in Italia, a scoprire, un’estate in cui aveva voluto fare la volontaria con Libera Terra a Mesagne, che esisteva un vino dal nome albanese, Hyso Telharaj. Si prese una bottiglia e, quando tornava a casa in Albania, cercava senza sosta quella famiglia, sino a quando incontrò due sorelle e un fratello di Hyso. Così la famiglia Telharaj è stata in Puglia, ha visitato il luogo dove Hyso fu ucciso, ha incontrato i volontari di Libera a Brindisi, ha visitato la cantina che produce quel buon vino che ha il nome di Hyso. La stessa cantina che ha intitolato altri vini a Renata Fonte e, oggi, anche a Marcella Di Levrano, giovane mesagnese, tutte vittime innocenti della mafia. L’emozione è stata forte.

Le vittime del caporalato sono a tutti gli effetti vittime innocenti di mafia, come le nostre donne, le nostre braccianti che hanno perso la vita in incidenti stradali sui pulmini dei caporali e nei campi, come Paola Clemente di Taranto, come Pompea Argentiero (16 anni), Lucia Altavilla (17anni), Donata Lombardi (23 anni, mamma di tre bambini), Cosima Valente (36 anni), Domenica Abruzzese (47 anni), tutte di Ceglie Messapica. Come Maria Marsella, Maria dell’Aquila e Antonia Carbone di Oria.
“Nonostante le minacce, Hyso non ha mai ceduto al ricatto dei caporali”, è scritto sulla bottiglia del buon rosso. “A lui e a tutti coloro che non chinano la testa dinanzi all’arroganza mafiosa, dedichiamo questo vino”.

 

Tea Sisto

 

Nuovo Quotidiano   -Martedì 21 Marzo 2017 -

© 2017 ANPI Brindisi Suffusion theme by Sayontan Sinha