“ABBATTIAMO I MURI E RESTIAMO UMANI”

Con questo slogan il  7 marzo  c’è stato un incontro assemblea a piazza Vittoria contro i muri che oggi si erigono contro i migranti.

è stata anche  l’occasione per ricordare i giorni del marzo ‘91, ma anche la tragedia della Kater I Rades , nel venerdì santo del 1997 e le tanti stragi in mare…
25 anni sono passati da quel 7 marzo 1991 quando, da una Albania sino allora solo immaginata, giungevano a Brindisi, su vecchie imbarcazioni stracolme all’inverosimile, decine di migliaia di persone bisognose di tutto

Oggi in molti Paesi dell’Unione Europea: si risponde con muri e con filo spinato, con agenti in assetto antisommossa contro donne, bambini, anziani fuggiti da dalla  guerra  e dalla fame  e in molte parti della “civilissima Europa” si diffonde l’odio per i migranti e molte forze politiche ne fanno “motivo” di campagna elettorale fondate sulla paura.

 

 

 

 

 

 

 

In piazza  è stato letto anche un bel ricordo che vogliamo riportare:

Storie al di là del mare

Da tanti anni osservo e faccio tesoro delle esperienze che ha vissuto e vive ancora la nostra terra. Nel marzo del ‘91 non avevo ancora compiuto 14 anni e da un paesino di appena 10.000 abitanti. Lequile (provincia di Lecce) apprendevo notizie di arrivi di navi cariche di gente nel porto di Brindisi, notizie che pochi giorni o mesi dopo avrebbero riguardato tutto il canale d’Otranto. A scuola si parlava di richieste di aiuto di qualunque forma e natura e anche in casa mia non si parlava d’altro. Non capivo perché in maniera cosi ostinata e non capivo perché mio nonno Vito De Lorenzi (io mi chiamo come lui) fosse così preso dalla questione, al punto da allestire in due stanze di casa sua, otto posti letto, ed in casa di alcune delle sue sorelle e di suoi amici, chiedeva di fare la stessa cosa.

Non si capiva se piangesse di gioia o di ricordi ma decise di raccontarmi la sua storia, di partigiano, in Albania.

Aveva intuito, leggendo gli elenchi degli approdati, che tra i cognomi c’era qualcuno che lui conosceva, qualcuno che durante la resistenza in Albania, gli aveva salvato la vita, mettendo a rischio la propria di vita.

Senza portarla alle lunghe, il signor Resul (di cui non ricordo il cognome) era figlio di quell’uomo che, con tutta la sua famiglia, salvò la vita di mio nonno, stipandolo in un nascondiglio segreto, il giorno in cui i tedeschi gli sfondarono la porta di casa per cercare
partigiani in fuga, per ucciderli.

Questa è solo una delle tante storie che si nascondono al di là del maro. Gente che fugge dalle guerre, dalla fame, dalle oppressioni.

Il mare spesso separa il bene dal male, il mare è una speranza. Ed è per questo che proprio in questa città, in cui vivo da poco più di un anno, ho pensato di dar voce a tutte tutte le storie che vengono dal mare e che hanno trovato in questa città dalle braccia aperte, un futuro, una terra ferma che guarda da sempre quel mare che le ha condotte proprio qui.”

di Vito De Lorenzi


 

© 2017 ANPI Brindisi Suffusion theme by Sayontan Sinha