Mai più fascismi, ma più razzismi.

Anche l’Anpi Brindisi in campo quotidianamente in questa battaglia. Mercoledì 14 febbraio, abbiamo organizzato a Brindisi una grande e partecipata assemblea regionale, anticipata da un sit-in in piazza Santa Teresa, nel salone della Provincia. Iniziativa voluta da Anpi, Cgil, Libera contro le mafie, Arci, Rete della conoscenza e Unione degli studenti, che già dallo scorso autunno si sono unite in una rete antifascista e antirazzista promuovendo numerose iniziative pubbliche sia nelle scuole che nelle periferie. L’evento del 14 febbraio si è svolto in contemporanea con la presentazione pubblica, in un sala di rappresentanza del Comune, del candidato al Senato di Casapound (quaranta i presenti). A parte la presenza di esponenti regionali delle associazioni promotrici, l’assemblea regionale antifascista ha visto la partecipazione di esponenti di partiti e associazioni del territorio (come Nonunadimeno) e, soprattutto di migranti. A loro nome ha parlato Drissa Kone, del Mali. Diversi gli antifascisti arrivati a Brindisi da Bari, Lecce e Foggia. E’ stata una grande assemblea partecipata, democratica, aperta, solidale e soprattutto antifascista, in un momento di gravi tensioni provocate ad arte da aggregati dichiaratamente neofascisti, che in spregio a ogni dettato costituzionale stanno inquinando il dibattito pubblico e la campagna elettorale con messaggi razzisti, xenofobi, di odio e divisione. Messaggi che trovano terreno fertile, nel Mezzogiorno, in una condizione generale di disagio, dovuto all’aumento delle disuguaglianze sociali e alle condizioni di impoverimento materiale che la crisi ha prodotto.
Abbiamo chiesto al Prefetto un incontro urgente affinché si vigili a difesa della democrazia, in un clima contrassegnato da ripetuti atti di intimidazione alle organizzazioni studentesche e a una propaganda tossica, xenofoba, razzista, omofoba.

Come Rete Antifascista siamo anche impegnati all’interno dei luoghi della formazione per la costruzione e diffusione di una cultura antifascista che mini alle basi quei messaggi di odio, razzismo e divisione cui inneggiano questi aggregati. Per due domeniche di seguito, all’inizio di febbraio sono state raccolte numerose sottoscrizioni all’appello “Mai più fascismi” sia a Brindisi che in altri comuni della provincia.

© 2018 ANPI Brindisi Suffusion theme by Sayontan Sinha