Argentieri, Antonio antifascista

Di Cosimo e di Cavallo Angela, nato in Ostuni (BR) il 7 febraio 1907, residente in Ostuni, celibe, contadino comunista.

Arrestato il 6 settembre 1937 per attività sovversiva volta alla ricostruzione del partito comunista nella provincia di Brindisi.

Assegnato al confino per cinque anni dalla CP di Brindisi con ordinanza del 1° dicembre 1937. la C di A con ordinanza del 2 giugno 1938 ridusse a due anni.

Sedi di confino: Tremiti, Santa Severina, Pisticci. Liberato l’8 luglio 1939 per fine periodo avendo beneficiato del condono di un terzo per il periodo trascorso a Pisticci.

Periodo trascorso in carcere e al confino: anni dieci, giorni 3.

Per i nomi dei confinati assieme all’Argentieri e per lo stesso motivo vedi biografia di Pasquale Galiano, II° fascicolo.

(b. 37, cc. 58, 1937-1939).

[ Massara 1991]

Fonti:
  • [Massara 1991] Katia Massara, "Il popolo al confino - la persecuzione fascista in Puglia", Archivio centrale dello Stato Ministero per i Beni culturali e Ambientali Ufficio centrale per i beni archivistici, 1991;
  • [Confinati politici] dallo spoglio sistematico della serie archivistica Confinati politici - fascicoli personali conservata nell’Archivio centrale dello Stato. (Legenda: C P  sta per Commissione Provinciale; C A sta per Commissione di Appello;  le lettere ed i numeri tra parentesi, che sono alla fine di ogni scheda, sono la posizione della stessa nel Casellario Politico Centrale)
© 2019 ANPI Brindisi Suffusion theme by Sayontan Sinha