Delli Santi, Cosimo antifascista conf.

di Antonio e di Intini Filomena, n. a Brindisi il 5 febbraio 1907, residente a Brindisi, celibe, barbiere, antifascista.

Arrestato il 18 maggio 1937 per avere pronunciato frasi offensive nei riguardi del re e del duce e per avere criticato pubblicamente l’operato del regime e la partecipazione al conflitto spagnolo.

Assegnato al confino per anni due dalla CP di Brìndisi con ord. del 28 maggio 1937. La C dì A con ord. del 14 gennaio 1938 ridusse ad un anno.
Sedi di confino: Tremiti, Gioia Tauro. Liberato il 24 maggio 1938 per fine periodo.

Periodo trascorso in carcere e al confino: anni uno, giorni 7.
(b. 334, cc. 66, 1937-1938).

[ Massara 1991]

Delli Santi Cosimo fu Francesco e di Monaco Addolorala, nato in Oria l’I 1/2/ 1876. ivi domiciliato, contadino. Appartenente al Partito Socialista fece parte dell’Amministrazione rossa in Oria col sindaco Galiano Pasquale rendendosi in tale circostanza responsabile di reati di tentala truffa, di falso e di appropriazione indebita. Ha sempre fiancheggiato l’azione del Galiano tutta tesa alla violenza, alla sobillazione delle masse ed a creare disordini. Allorquando il Galiano fu dimesso dalle carceri nel febbraio del 1931 prese con lui contatto, collaborando nella campagna subdola del Galiano stesso intrapresa per generare disordini in
Oria. Fu per tale motivo arrestato il 4 maggio I931 e nei suoi riflessi fu adottato il provvedimento dell’ammonizione per motivi politici. Dato il suo passalo e le sue non sopite tendenze sovversive lo si ritiene capace di organizzare, dirigere e prendere parte ad azioni delittuose collettive sovversive.

Da: Miano Stamerra 2005 Brindisi 1945

Fonti:
  • [Massara 1991] Katia Massara, "Il popolo al confino - la persecuzione fascista in Puglia", Archivio centrale dello Stato Ministero per i Beni culturali e Ambientali Ufficio centrale per i beni archivistici, 1991;
  • [Confinati politici] dallo spoglio sistematico della serie archivistica Confinati politici - fascicoli personali conservata nell’Archivio centrale dello Stato. (Legenda: C P  sta per Commissione Provinciale; C A sta per Commissione di Appello;  le lettere ed i numeri tra parentesi, che sono alla fine di ogni scheda, sono la posizione della stessa nel Casellario Politico Centrale)
  •  Patrizia Miano, Vittorio Bruno Stamerra : “Brindisi 1945 : l'alba della democrazia”, Brindisi, editore Hobos, anno 2005.
© 2019 ANPI Brindisi Suffusion theme by Sayontan Sinha