Garibaldi, Angelo Rocco antifascista conf.

di Umberto e di Scrascia Arcangela, n. a Torre Santa Susanna (BR) il 29 novembre 1894, res. a Brindisi, coniugato, falegname, antifascista.

Arrestato il 29 luglio 1930 per avere pronunziato frasi contro il regime.
Assegnato al confino per anni tre dalla CP di Campobasso con ord. dell’11 settembre 1930.

Sede di confino: Lipari. Liberato il 12 novembre 1932 nella ricorrenza dei decennale.

Periodo trascorso in carcere e al confino: anni due, mesi tre, giorni 15.

Numerasi precedenti penali, specie per reati contro la proprietà.

Trasferitosi per lavoro da Brindisi a Campobasso, venne arrestato perche rivolgendosi al calzolaio del luogo, Rodolfo Graziano, pronunciò le seguenti frasi: «In Andria ho sentito dire che sono state trovate scritte sui muri e manifesti affissi in cui è detto: abbasso Mussolini, evviva la guerra, evviva
il principe ereditario. Se effettivamente dominasse il principe ereditario sarebbe meglio per noi, in quanto che non vi sarebbero sfruttatori intorno a lui come attualmente che, oberati come siamo di tasse, non si può vivere più; anche in provincia di Salerno si è verificato lo stesso fatto. Tutto questo
perché uccisero Matteotti, caso contrario per noi sarebbe stato molto meglio. Ormai è inutile illudersi perché la rivoluzione non è lontana ed avverrà fra 50 giorni essendovi un forte partito che lavora per il principe ereditario ».

A Lipari fu tratto in arresto e condannato con sentenza dell’8 agosto 1931 a 27 giorni di reclusione per lesione e contravvenzione agli obblighi.

(b. 457, cc. 38, 1930-1932).

[ Massara 1991]

Fonti:
  • [Massara 1991] Katia Massara, "Il popolo al confino - la persecuzione fascista in Puglia", Archivio centrale dello Stato Ministero per i Beni culturali e Ambientali Ufficio centrale per i beni archivistici, 1991;
  • [Confinati politici] dallo spoglio sistematico della serie archivistica Confinati politici - fascicoli personali conservata nell’Archivio centrale dello Stato. (Legenda: C P  sta per Commissione Provinciale; C A sta per Commissione di Appello;  le lettere ed i numeri tra parentesi, che sono alla fine di ogni scheda, sono la posizione della stessa nel Casellario Politico Centrale)
© 2019 ANPI Brindisi Suffusion theme by Sayontan Sinha