Persone pericolose per l’ordine democratico dello Stato

[..]Il materiale raccolto, del tutto inedito, va a ritroso nel tempo, dimostrando come l’antifascismo fosse, in tutto il territorio brindisino, profondamente radicato. Di alcuni “sovversivi” ci è pervenuto solo il nome, inserito in lunghe liste. Di altri, invece, abbiamo notizie e scelte di vita. Perche in piena ascesa del regime dissentire era una pesante e pericolosa scelta di vita. Alcuni nomi e storie li abbiamo già letti nel lavoro della Massara, e qui sono arricchiti di notazioni inedite.

Le origini dell’antifascismo a Brindisi e Provincia

I primi elenchi di persone da tenere sotto controllo per la loro attività sovversiva sono datali al 1930. la loro pericolosità è graduata in 5 categorie. La quarta e la quinta raccolgono i nominativi di quelli che, dal regime, erano considerati squilibrati di mente o delinquenti comuni. Di queste due ultime categorie non renderemo conto, a meno che i nominativi in questione appaiano poi, in successive liste, sotto la dicitura di persone
pericolose per la loro attività politica.

Abbiamo fatto la difficile scelta di pubblicare così come li abbiamo trovati i lunghi elenchi di nomi. Di molti di questi uomini non rimane che un nome, un indirizzo, una qualifica lavorativa e di fede politica. E  null’altro, inghiottiti dalla Storia. Pubblicare i loro nomi e stato per noi un atto dovuto.

Dall’elenco delle persone pericolose del 1930 che esclude la prima categoria per passare direttamente alla seconda- vediamo nomi che, ininterrottamente, segneranno la storia dell’antifascismo sino al 1943. Spesso i nominativi “migrano” da una categoria di pericolosità ad un’altra. Segnalazioni di delinquenza comune coprono, a volte, scarsità di notizie sulla fede politica. È il caso di Eupremio Allegrini, brindisino, che
comparirà negli elenchi della questura e dei carabinieri dapprima come squilibrato di mente e successivamente (a seguito di una nota del Ministero dell’Interno, divisione del Casellario Politico centrale, fatta pervenire nel maggio del 1931 al prefetto di Brindisi), come socialista, unitamente a Cosimo Di Bitonto e Giuseppe Pietro Semeraro, schedati dapprima come squilibrati e poi come antifascisti. O del socialista Giuseppe Ortese,
archiviato come “ozioso vagabondo” negli elenchi dei carabinieri del 1930.

Accade frequentemente che la correzione del Ministero dell’Interno, che avvisa la locale Prefettura della presenza di questo o quel nominativo nel Casellario politico centrale, venga di fatto ignorata dagli organi di polizia locali, che continuano per anni a riscrivere liste di individui pericolosi sempre uguali e ad assegnare un indice di pericolosità generico che non tiene conto dell’aggiornato peso politico.

La Regia Questura divide i segnalati in 5 tipologie, che rimarranno inalterate sino al 1943.

 

Nella prima [categoria] si raccolgono “persone pericolosissime, (pericolose tra le pericolose) categoria questa in cui dovranno essere compresi ì sovversivi capaci di commettere gravi azioni criminose (attentati contro personalità, attentati terroristici ecc.) e coloro che si ritengono capaci organizzare gli stessi delitti da compierli per mandato dei prim.) E’, per quanto riguarda il territorio Brindisino, priva di nominativi.

Nella seconda [categoria] sono raccolti i nominativi di “persone pericolose, quelle cioè che in occasione di cerimonie, festeggiamenti, ed altro debbano essere arresta/e in quanto capaci di turbare il tranquillo svolgimento con atti inconsulti “.

Nella terza tipologia si schedano “persone che sono da ritenersi pericolose in caso di turbamento all’ordine pubblico perché capaci di organizzare, dirigere e prendere parte ad azioni delittuose collettive”.

Il quarto elenco raccoglie gli “squilibrati di mente “.

Nel quinto sono schedati i “pregiudicati per delitti comuni ritenuti effettivamente pericolosi, ed il cui arresto si rende necessario per la sicurezza dei luoghi e delle persone “. Fin qui le distinzioni, che però si presentano labili. Spesso infatti i nominativi dei segnalati, come già detto, migrano da un elenco .ad un altro.

Tra il 1930 ed il 1932 sono tanti i nominativi delle persone pericolose per il regime che ingrossano i fascicoli della Questura e dei carabinieri.

Dai pochi documenti superstiti della Regia Questura della fine degli anni 30 appare uno squarcio parziale ma significativo della situazione politica nella provincia di Brindisi.
Misti, agguagliati, confusi nei documenti ufficiali decine di uomini di fede politica diversa -ma di uguale estrazione sociale- battono la via della galera e del confino. Di alcuni di loro si è parlato nelle schede della Katia Massara, di altri se ne parla qui per la prima volta.

Devono essere arrestati perché in occasione di cerimonie, festeggiamenti possono turbare il tranquillo svolgimento con atti inconsulti (II categoria)

Ancora Antonio fu Giuseppe nato a san Pietro Vernotico 18/10/1897, parrucchiere, qui abitante in via Domenico da Brindisi II- comunista

Andriani Beniamino di Cosimo nato a Brindisi 14/4/1896, muratore, abitante in via Indipendenza n.4 -socialista.

Di Castro Angelo Raffaele di Gaetano, nato a Francavilla Fontana 21/9/1888, muratore, qui abitante in via Anime 58 -socialista

Ribezzi Giuseppe fu Antonio nato a Brindisi 16/09/1909 qui abitante in via de Vacchedano 14

Sardelli Arturo Michele di Carmelo nato a Brindisi 11/6/1882 , falegname, abitante in via Carmine 58 -anarchico

Spada Francesco di Antonio, nato a Terlizzi 27/1/ 1884, pittore, qui abitante in via Principe di Piemonte 29 -anarchico

Perché capaci di organizzare, dirigere e prendere parte ad azioni delittuose collettive (III categoria)

Assennato Felice fu Mariano nato a Brindisi 8/10/1878, avvocato, abitante in via Giudea -socialista

Borsetti Eugenio fu Giusepe nato a Cannolo (Lecce) 21/5/1877, meccanico, abitante in piazza Vittoria n. 7 -anarchico

Fusco Simone di Vincenzo nato a Francavilla Fontana 1887, contadino, colà residente -socialista

Giannini Salvatore di Nicola nato a Cellino san Marco 3/12/1896 – socialista

Santoro Epaminonda di ignoto, nato a Mesagne 24/3/1899, muratore, residente in vico Standardo 6 socialista. “E’scaltro e intelligente e dimostra spirito contrario alle locali autorità. Il 13/2/1924 arrestato per dimostrazione ostile all’attuale Regime “

 

Sono squilibrati di mente (IV categoria)

Allegrini Eupremio fu Francesco Paolo, carbonaio, nato a Brindisi 4/1/1882

Di Bitonto Cosimo fu Pasquale nato a Brindisi 29/5/1897

Semeraro Giuseppe Pietro di Angelo, nato a Massafra (Taranto) 6/2/1883

Delinquenti comuni e pericolosi, il cui arresto si rende necessario per la sicurezza dei luoghi e delle persone (V categoria)

 

Buzzerio (nei documenti successivi Bruzzerio ndr) Amedeo fu Vito, nato a Brindisi il 4 maggio 1889 abitante in via Corte Marco Aurelio

Cafueri Cosimo fu Gabriele nato il 16-5-1882 a Francavilla Fontana qui [Br] abitante in via Corte Caprai n.6

Caliandro Felice di Oronzo, nato il 22-4-1912 a Brindisi abitante in via Corte Delfino n.6

Capobianco Alfonso di Giuseppe nato il 15-10-1893 a Brindisi, abitante in via Principe di Piemonte n.40

Cavaliere Carmelo naturale di Anna nato il 6-12-1894 a San Vito dei Normanni qui [Br] abitante in via Bernardo de Royas n.22

Cionfoli Francesco di Antonio

Crudo Savino di Michele nato 5-5-1903 a Brindisi, abitante in via Dei Beccai n.31

Guerrieri Giovanni fu Cosimo, nato 5-4-1899 a andria, qui [Br] abitante in via Annunziata n.2

Guido Vito fu Alfonso nato 5-12-1885 a Brindisi, abitante in contrada Casale.

Maizza Umberto di Cosimo

Montinari Giuseppe fu Biagio nato 18-12-1895 a Brindisi.

Nacci Francesco di Vincenzo

Ortese Giuseppe di Enrico nato 27-11-1899 a Brindisi abitante in via Principe di Piemonte n.26

Palumbiere Alfredo fu Antonio nato 9-10-1888 a Brindisi abitante via Anime n.16

Soliberto Vincenzo fu Pietro

Trotta Augusto eli Giovanni nato il 19-8-1899 a Lecce qui [Br] abitante in via Bernardo De Royas n.43

Usoletti Salvatore di Ignoti, nato 14-3-1903 a Venezia qui [Br] abitante contrada Casale vicino alla Chiesa

Zagheo (nei documenti successivi Zaccheo o Zacheo ndr) Donato fu Salvatore nato 25-7-1907 a Brindisi abitante in via Cavour n.25

Altri nomi si aggiungono a quelli già schedati, sempre nel corso del 1930. La Legione Territoriale del Carabinieri reali di Bari, tenenza di Brindisi aggiorna gli elenchi nel luglio 1930. Vi sono dei cambiamenti, Allegrini Eupremio, come abbiamo dello innanzi, schedalo pochi mesi prima come squilibralo di mente, è inserito nell’elenco delle persone pericolose perche “capaci di turbare il tranquillo svolgimento di cerimonie”.

Nella III categoria “persone che sono da ritenersi pericolose in caso di turbamento all’ordine pubblico perché capaci di organizzare, dirigere e prendere parte ad azioni delittuose collettive “ si aggiungono i nomi di

Cinosa Teodoro nato a Brindisi il 4/3/1880, elettricista, qui [Br] dimorante

D’Amici Angelo Raffaele nato a Brindisi il 24/2/1883, contadino, qui [Br] dimorante

De Vita Angelo Raffaele nato a Brindisi il 13/4/1900, bracciante, qui [Br] dimorante

Giannini Salvatore di Nicola e De Marco Maria nato il 14-4-1895 a Cellino San Marco, domiciliato a San Pietro Vernotico

[..]

Alcuni fogli sciolti, senza dicitura e non datati, che fanno parte delle informazioni scambiate tra la Questura e la Prefettura e che possiamo, da riscontri interni, datare tra il giugno 1931 ed il settembre del 1932, aggiungono i seguenti nuovi nominativi.

Sono definiti “persone pericolose…..che in occasione di cerimonie…..debbano essere arrestate in quanto capaci di turbare il tranquillo svolgimento con atti inconsulti” (cat.II)

Berlizzi Mario di Amato nato a Terlizzi il 9/5/1900 residente a Brindisi (segnalato Questura di Piacenza), comunista

Chionna Umberto di Giacinto, nato a Brindisi il 14/4/1896 domiciliato a Brindisi, comunista

Conchiglia Domenico di ignoti nato a Monopoli il 4/371890 domiciliato a Brindisi, comunista

De Stradis Crocifisso di Francesco nato a Latiano nel 1885, domiciliato a Francavilla Fontana, comunista

Galiano Pasquale fu Francesco nato a Francavilla Fontana 22/10/1878, domiciliato a Oria, comunista

Garibaldi Angelo Rocco nato a Torre Santa Susanna il 1894, domiciliato a Brindisi ivi domiciliato, comunista

Lodedo Giuseppe di Vito nato a Ceglie Messapico il I8’6/1878 ivi domiciliato, comunista

Lupo Pietro di Antonio nato a Francavilla Fontana il 28/7/1895 domiciliato a Francavilla, comunista

Ostuni Teodoro di Natale nato a Brindisi il 23/8/1899 domiciliato a Brindisi, comunista

Pentassuglia Giovanni di Tommaso nato a Francavilla Fontana il 13/3/1903 ivi domiciliato, comunista

Ribezzi Giuseppe fu Antonio nato a Brindisi il 16/9/1905 domiciliato a Brindisi, comunista

Ribezzi Salvatore fu Antonio nato a Brindisi il 1910 domiciliato a Brindisi, comunista

 

“…Pericolose …perché capaci di organizzare, dirigere e prendere parte ad delittuose collettive”( cat.III) sono

Battista Vincenzo fu Mariano nato a Brindisi 17/7/1912, domiciliato a Brindisi, comunista

Blasi Attilio fu Emanuele nato a Mesagne TI 1/9/1895 domiciliato a Mesagne, socialista

Bruno Giacomo di Nicola nato a a Latiano il 15/6/1891 ivi domicilialo, socialista

Calvano Cosimo di Saverio nato a Mesagne 21/4/1897 ivi domiciliato, socialista

Camarda Francesco fu Vincenzo nato a Costernino il 12712/1893 domiciliato a Mesagne, comunista

Caputo Antonio di ignoti, nato a Mesagnc il 1900 ivi domiciliato, socialista

Casalino Vincenzo di Natale nato in Francavilla Fontana il 3/3/1883 ivi domiciliato, comunista

Chirico Serafino di Oronzo nato a Francavilla Fontana il 2/10/1897 ivi domiciliato, comunista

Chirulli Leonardo di Oronzo nato a Coglie Messapica il 14/05/[—j ivi domiciliato, comunista

Cinosa Teodoro di Giovanni nato a Brindisi il 1880 domicilialo a Brindisi, comunista

Cirillo Luciano di ignoti nato a Manduria il 13 /l2/1877 domiciliato a Torre Santa Susanna, socialista

D’Ostuni Barsanofio di Salvatore nato a Oria il 1887 ivi domiciliato, comunista

De Vita Angelo Raffaele di Giovanni, nato a Brindisi il 1890 ivi domiciliato, antifascista

Delli Santi Cosimo di Francesco nato a Oria il 1876 ivi domiciliato, socialista

Galiano Giuseppe di Francesco nato a Francavilla Fontana il 1892 domiciliato ad Oria, comunista

Galileo Giuseppe fu Pietro nato a Latiano il 13/7/ 1892 ivi domiciliato, socialista

Incalza Giuseppe di Francesco, nato a Francavilla Fontana il 30/9/1899 ivi domiciliato, comunista

Magno Nicola di Donato nato ad Ostimi il 1889 domiciliato a Brindisi, comunista

Maniglia Donato di Cosimo nato a Torre Santa Susanna il 20/10/1899 ivi domiciliato, socialista

Mastello Annunziato Arcangelo di Angelo nato a Brindisi il 1902 ivi domiciliato, comunista

Mingolla Antonio fu Barsauofio nato ad Oria il 27/8/1888 ivi domiciliato, socialista

Mingolla Salvatore fu Barsanofio nato ad Oria il 15/5/1891 ivi domiciliato, socialista

Nisi Leonardo d’ignoti nato a Fasano il 13 novembre 1890 ivi domiciliato comunista

Oggiano Luigi di Leonzio nato ad Oria il 27/7/1901 ivi domiciliato, socialista

Ostumi Pietro Carmelo di Ernesto nato a Mesagne il 20/2/1904 ivi domiciliato, socialista

Pasimeni Luigi fu Vincenzo nato a Mesagnc il 27/7/1901 ivi domiciliato, socialista

Pignatelli Aslan Carmine fu Nicola nato a Mesagne il 10/9/ 1897 ivi domiciliato, comunista

Putignano Giovanni di Pietro nato il 21/4/ 1906 a Coglie Messapico ivi domiciliato, comunista

Radaelli Giuseppe di Angelo nato a Mesagne il 6/7/1906 ivi domicilialo, comunista

Santoro Epaminonda di ignoto nato a Mesagnc il 1899 ivi domiciliato, socialista

Spina Rocco Fedele fu Antonio nato a Coglie Messapico il 5/10/1880 ivi domiciliato, comunista

Vallo Ettore naturale di Cristina nato a Monopoli il 21/11/1885 domiciliato a Mesagne, comunista

Verardi Edmondo di Francesco nato a Mesagne il 18/6/1907 ivi domiciliato, socialista

Vitale Carmelo fu Settimio nato a Torre Santa Susanna il 27/11/1892 ivi domiciliato, socialista

Fonti:
  •  Patrizia Miano, Vittorio Bruno Stamerra : “Brindisi 1945 : l'alba della democrazia”, Brindisi, editore Hobos, anno 2005.
© 2019 ANPI Brindisi Suffusion theme by Sayontan Sinha